Buona Pasqua…con Brahms all’Astoria

Cremona, Pasqua 1890 «Va ricordata anche una chiesa di campagna che, sul presto, visitammo la domenica di Pasqua. Il sole di quella mattina di Pasqua ci aveva infatti spinto molto presto fuori dalle nostre coperte e così di buon’ora niente ci poteva essere di più bello che intraprendere una bella passeggiata fuori dalla città. Dove ci dirigemmo, circa tre quarti d’ora a sud-est di Cremona, nel mezzo di una campagna ampia e ben coltivata, si trova l’antica chiesa di San Sigismondo, nella quale Bianca Visconti si unì in matrimonio con il brutale, ma anche potente Sforza. La stessa chiesa, una delle chiese italiane più belle del primo Rinascimento, è una fondazione dei Visconti. Un monastero, il cui chiostro è ancora ben conservato, era annesso alla chiesa, ma venne soppresso da Napoleone primo. […]

20190405_185516

Quindi, per ascoltare della musica pasquale di qualità un po’ superiore, alle dieci, al nostro rientro in città, assistemmo in duomo alla grande messa cantata, celebrata dall’arcivescovo in persona. L’interno della cattedrale, ricco di colonne, ornato da magnifici affreschi, brulicava di fedeli fittamente pigiati, e il numeroso clero radunato nel coro, con vesti di ogni colore, ostentava in tale occasione tutta quanta la pompa della chiesa romana. Tra i violini dell’orchestra alla balaustra dell’organo si trovava anche il nostro oste del “Pavone”, al quale la conduzione del suo piccolo albergo lascia ancora tempo non solo per essere un membro molto attivo della cappella della cattedrale, ma anche per impartire lezioni nella nobile arte violinistica in alcuni istituti educativi della città. Da lui apprendemmo anche che la messa, per sole voci maschili, era opera di uncompositore residente a Cremona, di nome Andreotti».

Le parole di Jakob Widmann sono tratte da Johannes Brahms a Cremona, di Artemio Focher

Il ritratto di Johannes Brahms è opera del Maestro Graziano Bertoldi e si può ammirare a Cremona, presso il nostro Hotel Astoria.